BANNER_WEB_160X142.jpg

I residui chimici, risalenti all’Età del Rame, sono stati individuati all’interno di una giara di terracotta. I ricercatori intendono ora scoprire se questo vino fosse rosso o bianco

Pubblicato in Curiosità

Si tratta del "Bambino Gesù con gli strumenti della passione" della fine XVIII inizio XIX secolo, olio su tela e del "Santo Camilliano", autore Domenico Provenzani da Palma di Montechiaro, anno 1780, olio su tela 

Pubblicato in Dal territorio

AGRIGENTO - Due anfore bizantine e un vaso d'epoca medievale sono state rinvenute nell'appartamento di un imprenditore, arrestato lo scorso ottobre per l'ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta. I reperti archeologici sono stati notati dai militari del nucleo polizia Tributaria della Guardia di finanza dopo che il Gip Francesco Provenzano, su richiesta del sostituto procuratore Brunella Sardoni, dispose - il 16 febbraio scorso - il sequestro preventivo, per 16 milioni e mezzo, dei beni riconducibili all'imprenditore. I finanzieri hanno contattato due funzionari della Sovrintendenza ai beni culturali di Agrigento per ottenere un parere qualificato. E secondo i funzionari - fa sapere la Guardia di finanza - le due anfore, plausibilmente utilizzate per contenervi vino od olio, risalgono al periodo bizantino; mentre il vaso, utilizzato invece per gli infusi, ad epoca medievale. E’ stato quindi denunciato l’imprenditore per l'ipotesi di reato di impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato, fattispecie che prevede la pena della reclusione da uno a sei anni.

Pubblicato in Flash News

Il sindaco della città Lillo Firetto: “Eventi riservati a pochi ospiti sono oggetto di un regolamento del Parco archeologico e in linea con le norme nazionali, sono stabiliti canoni e diritti di immagine”

Pubblicato in Attualità

La notizia è da confermare ma alcuni elementi rinvenuti farebbero pensare al suo ritrovamento. Gli scavi cominceranno il 10 ottobre e saranno finanziati con 2,8 milioni del "Patto per il Sud per la Sicilia"

Pubblicato in Dal territorio

AGRIGENTO - La casa-museo di Beniamino Gioiello Zappia a Cattolica Eraclea (Agrigento) è stata confiscata definitivamente per mafia. Confiscati anche i 345 dipinti pregiati, tra i quali tele di Guttuso, De Chirico, Dalì, ma anche Sironi, Morandi, Campigli, De Pisis, Boldini e Guidi e altri beni come 200 orologi antichi, pietre preziose, vasi, statue, bronzi e oggetti di antiquariato. La casa museo era stata sequestrata preventivamente sette anni fa. La casa diventa ora patrimonio dello Stato, così come pure le opere d’arte.

Pubblicato in Flash News

AGRIGENTO - Tra giugno e luglio ad Agrigento torneranno ad accendersi le luci sul "Festival del cinema archeologico" che avrà ovviamento come scenario uno dei parchi archeologici più belli e più suggestivi al mondo. Quest'anno al festival, che vedrà proiezioni serali dalle 21,00 alle 23,00 dal 13 al 16 giugno 2016, si affiancherà però anche una mostra dedicata al quartiere ellenistico romano che sorge nei pressi del parco archeologico.

Gli otto film già selezionati saranno proiettati nell' area antistante al tempio di Giunone. A presentare le serate sarà il direttore della rassegna internazionale del cinema archeologico di Rovereto, Dario Di Blasi. E nella serata finale saranno assegnati i premi del concorso "Archeo Ciak".

Pubblicato in Flash News

L’iniziativa è molto importante e rappresenta una occasione di divulgazione delle conoscenze sulla storia e l’archeologia della Valle e più in generale di promozione del nostro patrimonio culturale

Pubblicato in Attualità

L'ultima manutenzione è stata effettuata 15 anni fa. Oggi, la casa dello scrittore è abbandoanta a se stessa ci sono crepe e ruggine ovunque e piove dal soffitto

Pubblicato in Attualità

Dopo la pioggia di polemiche su Angelino Alfano per lo spostamento, arriva l'interrogazione del M5s che parla di “autopromozione al limite dell'abuso”

Pubblicato in Istituzioni

300x240.jpg

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio