WEB-160x142.gif

Venerdì, 06 Settembre 2019 12:06

Archeologi hi-tech con la App ArchAIDE

L’innovativo sistema, risultato dell’omonimo progetto europeo, ha fatto il suo debutto al meeting dell’Associazione europea degli archeologi a Berna

Pubblicato in Attualità

Ideata e realizzata dai fondatori del primo sito di servizi per l’arte d’Italia, www.venderequadri.it, Nazzareno Trevisani e Pierluigi Polidori, è perfetta per artisti, collezionisti e curiosi

Pubblicato in Curiosità

L’applicazione è stata realizzata dal museo Maurithuis dell'Aia, in  collaborazione con la start up digitale Capitola, per celebrare i 350  anni della morte del grande artista olandese 

Pubblicato in Curiosità

Un’iniziativa del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Torino e del Museo Egizio, realizzata con il sostegno di Fondazione CRT. L’app è scaricabile gratuitamente su Apple Store e Google Play

Pubblicato in Attualità

Frutto di 22 anni di lavoro di un team di esperti in tecnologie e accademici, l’applicazione è ora disponibile in tre lingue. Si tratta della più grande ricostruzione digitale mai realizzata di una città antica

Pubblicato in Attualità

E’ disponibile per sistemi operativi Android e iOS un’app che, basandosi su una tecnologia di riconoscimento facciale, permette di associare il proprio selfie a un “sosia”  di un’opera d’arte

Pubblicato in Curiosità

Un gioco di carte su smartphone o tablet per aiutare i più giovani a conoscere i tesori del capoluogo toscano attraverso un'esperienza che unisce il gioco digitale alla visita della città 

Pubblicato in Curiosità

In occasione della 14° edizione di Lago Film Fest a Revine Lago, Treviso, sono state posizionate 5 installazioni con lo scopo di arricchire il paesaggio con illustrazioni animate

Pubblicato in Dal territorio

Si chiama "Tecnologicamente Antichi" il progetto che mette in rete 4 siti di pregio: la Villa Romana di Aiano, il Teatro Romano di Volterra e i due musei archeologici delle due rispettive città

Pubblicato in Dal territorio

Si tratta al momento di un prototipo. Puntando la fotocamera dello smartphone sulle vecchie cornici vuote del museo Gardner, i dipinti compariranno di nuovo al loro posto, grazie alla realtà aumentata che restituisce virtualmente le opere sottratte al museo

Pubblicato in Curiosità
Pagina 1 di 3


WEB-250x300.gif

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio