160x142-picasso.gif

La mostra, che chiuderà il 15 marzo, ad oggi è stata visitata da circa 130 mila persone. In esposizione 170 opere dello scultore e degli artisti a lui contemporanei, giunte a Roma da alcune tra le più grandi collezioni del mondo

Pubblicato in Mostre

Un omaggio dell’attrice Milena Vukotic, su testo della drammaturga Valeria Moretti, ha completato la mostra, nella quale un filmato sapiente informa dei rapporti intercorsi tra Antonio Canova e Napoleone Bonaparte

Pubblicato in Attualità

Finora sono stati oltre 90mila i visitatori per la mostra che chiuderà il 15 marzo 2020. Aperture straordinarie serali tutti i sabati e le domeniche fino alle ore 22.00

Pubblicato in Mostre

L’esposizione, che presenta oltre 170 opere provenienti dalle maggiori collezioni pubbliche e private, continua ad affascinare il pubblico che anche lo scorso weekend ha affollato il museo 

Pubblicato in Attualità

Nei prossimi fine settimana, l’orario di apertura dell’esposizione sarà prolungato eccezionalmente fino alle ore 22.00

Pubblicato in Mostre

Un prezioso percorso  ricostruisce la genesi e l’evoluzione delle celebri “teste ideali”, il particolare filone dell’opera del grande scultore  dedicato alle diverse declinazioni della bellezza femminile 

Pubblicato in Mostre

La mostra,  a cura di Stefano Grandesso e Fernando Mazzocca, attraverso oltre 150 opere suddivise in 17 sezioni, intende documentare la straordinaria complessità delle creazioni di questi due artisti “classici moderni”  che hanno saputo creare opere immortali

Pubblicato in Mostre

Oltre 10 mila visitatori dal giorno dell’apertura della mostra ospitata al Museo di Roma in Palazzo Braschi. Nei prossimi due fine settimana, sabato e domenica 19 e 20 e poi 26 e 27 ottobre, l’orario di apertura sarà prolungato eccezionalmente fino alle ore 22.00

Pubblicato in Attualità

Oltre 170 opere, provenienti da importanti istituzioni museali, incorniciate da un allestimento altamente suggestivo, raccontano l’arte canoviana e il suo rapporto con la Città Eterna, dove lo scultore  giunse per la prima volta nel 1779

Pubblicato in Mostre

"Inaccettabile che social network  popolari, danarosi e tecnologicamente avanzati come Facebook ed  Instagram non siano riusciti ancora ad oggi a trovare una soluzione  per distinguere una immagine porno da un'opera d'arte”

Pubblicato in Attualità
Pagina 1 di 4



250x300Haring.gif

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio