555400000.jpg

Rubata agli inizi degli anni '80 nel Duomo a Urbino, la porzione di tela, raffigurante la testa di un bambino, si trovava in una notissima casa d'aste genovese pronta per essere venduta all'asta il 31 maggio

Pubblicato in Attualità

Si tratta di due dipinti olio su tela, ritenuti di grande valore artistico: il primo, del maestro Giulio Carpioni  raffigura Sant'Antonio da Padova, il secondo, realizzato dall'artista Francesco Maffei raffigura invece Sant'Orsola

Pubblicato in Dal territorio

I beni recuperati sono attualmente in esposizione al pubblico nell'ambito di una mostra permanente delle opere d’arte confiscate alla mafia, dal titolo: “A tenebris ad lucem - L’arte ritrovata torna bene comune”

Pubblicato in Dal territorio

Si è tenuta, nel quartier generale di via Anicia a Roma, la presentazione dell’attività operativa del TPC e del quadro di situazione delle aggressioni criminali al patrimonio culturale nazionale con riferimento all'anno passato

Pubblicato in Attualità

Il materiale archeologico è stato trovato in un locale pertinente a una abitazione. Si tratta, tra le altre cose, di 6 anfore di varie dimensioni; un'anfora decorata; 22 statuine di vari soggetti, 74 portacandele in terracotta; un vasetto decorato rotto;  8 vasetti di terracotta e 2 bracciali di metallo

Pubblicato in Dal territorio

Alcune delle opere in particolare quelle trafugate ad Halstatt, a partire dal 23 marzo verranno esposte a Milano, presso il Palazzo Reale, nell’ambito della Mostra “I Santi d’Italia”. Al termine dell’allestimento, le tavole saranno restituite all’Austria

Pubblicato in Attualità

L’opera era stata trafugata quando era in prestito in Italia al Museo di storia naturale del Mediterraneo di Livorno tra il 2000 e il 2001

Pubblicato in Attualità

Si tratta di un'opera di Georg Petel, grande incisore e scultore barocco. La statua è un blocco unico di avorio dell’altezza di 70 cm che rappresenta sant'Antonio col suo porcellino

Pubblicato in Attualità

La scuola si trasforma in museo e dal 9 marzo al 20 aprile 2017 esporrà un patrimonio nascosto e recuperato per educare le nuove generazioni alla bellezza in modo che siano in grado di riconoscerla, apprezzarla e proteggerla

Pubblicato in Mostre

La bolla, costituita da trentadue pagine in pergamena con un sigillo plumbeo, ha un valore stimato in quindicimila euro. L’ammanco del prezioso documento era stato denunciato a seguito d’inventario, nel febbraio del 2016, dal Direttore dell’Archivio Storico Diocesano di Massa

Pubblicato in Attualità
Pagina 1 di 6