WEB-160x142.gif

POMPEI - I giardinieri oppure tecnici della manutenzione dell'area archeologica. Massimo Osanna, il soprintendente di Pompei, vede così la possibilità di utilizzare i profughi in arrivo dalle zone di guerra. 

Ha lanciato questa proposta nel corso della manifestazione "Patto di amicizia tra Pompei e Nola". «Affidatemi i profughi, offrirò loro un lavoro» ha affermato.  «In Italia arrivano centinaia di profughi laureati e con specifiche professionalità che percepiscono sussidi senza lavorare. Perché non impiegarli nei beni culturali?». Ma con quali mansioni? «Potrebbero fare i giardinieri oppure occuparsi della manutenzione ordinaria dell’area archeologica».

Pubblicato in Flash News
L'artista dissidente cinese ha annunciato l'intervento artistico nell'isola in ricordo dei 350 mila migranti
Pubblicato in Attualità


WEB-250x300.gif

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio