BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Approvato oggi uno schema di accordo di programma tra il Mibact e la Regione Lazio per progetti di attività culturali da realizzarsi nei territori devastati dagli eventi sismici del 24 agosto 2016

Pubblicato in Istituzioni

Inaugurata lo scorso febbraio  al Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro e subito chiusa a causa dell’emergenza Covid-19, l’esposizione riapre i battenti e proroga la data di chiusura fino a domenica 26 luglio 2020

Pubblicato in Mostre

Una mostra itinerante in tre tappe che prende il via il 22 novembre proprio nella zona del cratere, ad Ascoli Piceno presso il Forte Malatesta, per poi continuare a Roma presso la sede del Pio Sodalizio dei Piceni e concludersi nell’estate 2020 a Senigallia

Pubblicato in Dal territorio

L’installazione sarà presenta nel Padiglione del Concilio europeo dell'Arte per il progetto "Borghi of Italy. No(F)Earthquake" (No fear - no earthquake: nessuna paura, no al terremoto)

Pubblicato in Dal territorio

Venerdì 18 maggio, alle ore 11, viene inaugurato nella Scuola Forestale Carabinieri di Cittaducale il laboratorio di restauro delle opere d'arte colpite dal terremoto del 2016

Pubblicato in Dal territorio

I fondi stanziati, parte degli incassi raccolti dai musei torinesi, serviranno a realizzare un calendario di attività pomeridiane con laboratori didattici per bambini e ragazzi nei Comuni dove i musei sono chiusi

Pubblicato in Dal territorio

Si tratta di una esposizione ultra-tecnologica che ricostruisce in formato reale le opere d'arte sopravvissute al terremoto. La conferenza di presentazione del progetto approvato dal Mibact si è svolta lunedì 8 gennaio

Pubblicato in Attualità

In esposizione, su iniziativa dell'Ufficio beni culturali della diocesi ascolana, nel Battistero e nella chiesa di San Gregorio Magno,  i dipinti, le sculture e gli oggetti provenienti  dalle chiese danneggiate o distrutte dal terremoto nell'Ascolano 

Pubblicato in Dal territorio

"Queste opere torneranno tutte nei loro territori, è una certezza, - ha assicurato Franceschini - ma è necessario che le chiese da cui provengono siano recuperate e ricostruite. Sono un pezzo dell'identità locale"

Pubblicato in Istituzioni

SPOLETO (PERUGIA) - Sono 6 mila le opere d'arte custodite nel deposito allestito a Santo Chiodo di Spoleto dopo essere state "salvate" dal terremoto di un anno fa. Il dato è emerso in un incontro alla rocca albornoziana organizzato dalla Regione Umbria e dedicato alle politiche per il recupero, il ripristino e la messa in sicurezza dei beni culturali dopo il sisma del 1997 e quello del 2016. 

La presidente della Regione Catiuscia Marini ha detto: "La storia della ricostruzione del '97 è  ricca di valore anche dal punto di vista scientifico, perché si è lavorato in modo competente e lungimirante facendo un grande salto di qualità, visto che sono state investite ingenti risorse per la valorizzazione dei beni culturali e per i centri storici. Sono state fatte scelte strategiche, come l'allestimento del deposito di Santo Chiodo, per la custodia delle opere mobili recuperate in seguito agli eventi sismici, nonché la creazione del centro di protezione civile di Foligno".

Pubblicato in Flash News
Pagina 1 di 6


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio