WEB-160x142.gif

FIRENZE - "L'imbrattamento è un atto contro i  nostri beni e contro il nostro patrimonio artistico, architettonico e  cultuale e quindi va condannato con ogni forza. Vanno anche prese  misure più forti di quelle applicate nel passato". Ad affermarlo è stato il  direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, intervistato dal  Tg1 in merito all'imbrattamento, nei giorni scorsi, di una parete  esterna del Battistero di Firenze, con la scritta "Gora Eta".     

Per quanto concerne la rimozione della scritta, il direttore degli  Uffizi si è detto ottimista: "per fortuna, una vera indelebilità non  esiste - ha spiegato Schmidt - anche rispetto alle penne cosiddette  indelebili. Magari servirà un restauro approfondito, che costerà di  più, che durerà più a lungo, ma sarà comunque possibile sanare questa  situazione".      

Pubblicato in Flash News

Il gesto vandalico si è consumato nella notte del 29 settembre. I responsabili, che hanno danneggiato la scultura settecentesca, sarebbero quattro studenti universitari non veneziani. Tre sono stati denunciati

Pubblicato in Attualità

Danneggiate le panchine luminose di Jeppe Haien. La scorsa settimana invece era stata presa d'assalto l'installazione di Vanessa Safasi

Pubblicato in Attualità

Franceschini: "Alla prevenzione, sempre necessaria per impedire ogni danno ai beni storici, artistici e archeologici si devono affiancare pene più severe per chi compie simili gesti"

Pubblicato in Attualità

Le pareti della staione sono state ricoperte di scritte con vernice spray, vanificando di fatto il complesso intervento di restauro conservativo, eseguito nei mesi scorsi da Rete Ferroviaria Italiana d'intesa con la Soprintendenza alle Belle Arti

Pubblicato in Dal territorio


WEB-250x300.gif

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio