160x142_canaletto_2.jpg

Bruna Alasia

Bruna Alasia

Un viaggio affascinante a ritroso dal sesto secolo avanti Cristo fino al decimo. Le sale espositive di Palazzo Caffarelli e l’Area del Tempio di Giove dei Musei Capitolini ci raccontano la fase più antica dell’urbe

Va al Maestro Riccardo Muti il Praemium Imperiale 2018 per la musica, al belga-francese Pierre Alechinsky va quello per la pittura, alla giapponese Fujiko Nakaya per la scultura, ai francesi Christian de Portzamparc per l’architettura e a Catherine Deneuve per il cinema/teatro

Gli anni ’60 sono stati una stagione di grandi fermenti e i motivi per cui continuano ad affascinarci sono molti. Si parlava di fantasia al potere, anche se l’espressione più alta di creatività, e cioè l’arte, non sempre poté godere, in un’epoca particolarmente ideologizzata, di grandissimo favore popolare. 

L’esposizione negli spettacolari saloni di Palazzo Braschi, intende celebrare il 250° anniversario della morte del pittore veneziano con il più grande numero di creazioni mai arrivate in Italia, sessantotto tra dipinti e disegni e documenti, di cui alcuni celeberrimi

“Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco”, diretto da Alessandro Maggi, è interpretato dal bravissimo Alessandro Preziosi che, attraverso una mimica commovente rivela, grazie a sapienti giochi di luce, una somiglianza impressionante con il famoso autoritratto di Van Gogh del 1887, conservato al Rijksmuseum di Amsterdam

L’attore e regista Stanley Tucci, figlio a sua volta di un pittore, dedica il suo quinto film ad Alberto Giacometti; scultore e pittore svizzero-italiano vissuto tra il 1901 e il 1966, le cui quotazioni negli ultimi anni sono andate sempre più salendo

“Costituenti al lavoro. Donne e Costituzione 1946-1947” è un testo storico basilare per conoscere la nascita della democrazia paritaria, argomento tuttora imprescindibile e non esaurito

Dall’8 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018 negli spazi del nuovo polo cultuale romano sarà possibile visitare l’emozionante raccolta a tema di uno dei più grandi fotografi dei nostri tempi

Venerdì, 05 Maggio 2017 16:34

Botero a Roma inaugura la sua mostra

Al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini, dal 5 maggio al 27 agosto, cinquanta capolavori che ripercorrono l’evoluzione del maestro dal 1958 al 2016 

Oltre 150 opere provenienti dai principali musei internazionali: Musée d’Orsay di Parigi, Alte Nationalgalerie di Berlino, Musée des Beaux-Arts di Marsiglia, Uffizi di Firenze, Museo Giovanni Boldini di Ferrara e da prestigiose collezioni private 

Pagina 1 di 2


300x300_canaletto_2.jpg

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio