160x142-banksySarzana.gif

Sabato, 27 Febbraio 2021 15:58

Pompei restituisce un’altra meraviglia: un carro cerimoniale

Scritto da 

"E' una scoperta straordinaria per l'avanzamento della conoscenza del mondo antico" - è il commento di Massimo Osanna, direttore uscente del Parco archeologico di Pompei

NAPOLI - Un grande carro cerimoniale a 4 ruoto è l’ultima meraviglia riportata alla luce negli scavi di Civita Giuliana a Pompei. Il primo segnale della sua presenza risale allo scorso 7 gennaio. 

Gli interventi portati avanti nel corso degli ultimi mesi hanno richiesto un'attenta pianificazione da parte di un team interdisciplinare che ha coinvolto archeologi, architetti, ingegneri, restauratori, vulcanologi, operai specializzati ma anche, man mano che lo scavo procedeva, archeobotanici ed antropologi.

Il carro venuto alla luce è stato risparmiato miracolosamente sia dai crolli delle murature e delle coperture dell'ambiente sia dalle attività clandestine. Lo scavo è proseguito con molta cautela per la fragilità degli elementi che progressivamente emergevano. Sin dal principio lo scavo si è rivelato particolarmente complesso, si è quindi dovuto procedere con un vero e proprio microscavo condotto dalle restauratrici del Parco specializzate nel trattamento del legno e dei metalli.

Parallelamente, ogni volta che si rinveniva un vuoto, è stato colato del gesso per tentare di preservare l'impronta del materiale organico non più presente. Così si è potuto conservare il timone e il panchetto del carro, ma anche impronte di funi e cordami, restituendo così il carro nella sua complessità.Considerata l'estrema fragilità del carro e il rischio di possibili interventi e danneggiamenti di clandestini per la fuga di notizie, il team ha lavorato anche tutti i fine settimana a partire dalla metà di gennaio, sia per garantirne la conservazione che per dare un segno forte dell'azione di tutela sul Patrimonio esercitata dal Parco in sinergia con la Procura di Torre Annunziata e i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, coadiuvati da investigatori del Comando Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata.

Questa collaborazione ha portato anche alla partecipazione di tecnici del Parco al processo in corso contro i presunti scavatori clandestini che negli ultimi anni hanno così pesantemente colpito questa villa.Terminato il microscavo in situ, attualmente i vari elementi del carro sono stati trasportati in laboratorio all'interno del Parco archeologico di Pompei, dove le restauratrici stanno procedendo a completare la rimozione del materiale vulcanico che ancora ingloba alcuni elementi metallici e a iniziare i lunghi lavori di restauro e ricostruzione del carro. Quanto emerso è stato sistematicamente documentato mediante accurata documentazione fotografica e tramite rilievo con laser scanner.

"A Pompei - ha spiegato Osanna - sono stati ritrovati in passato veicoli per il trasporto, come quello della casa del Menandro, o i due carri rinvenuti a Villa Arianna, uno dei quali si può ammirare nel nuovo Antiquarium stabiano, ma niente di simile al carro di Civita Giuliana. Si tratta infatti di un carro cerimoniale, probabilmente il Pilentum noto dalle fonti, utilizzato non per gli usi quotidiani o i trasporti agricoli, ma per accompagnare momenti festivi della comunità, parate e processioni. Mai emerso dal suolo italiano, il tipo di carro trova confronti con reperti rinvenuti una quindicina di anni fa all'interno di un tumulo funerario della Tracia, nella Grecia settentrionale, al confine con la Bulgaria. Uno dei carri traci è particolarmente vicino al nostro anche se privo delle straordinarie decorazioni figurate che accompagnano il reperto pompeiano".

Osanna ha aggiunto che "le scene dei medaglioni che impreziosiscono il retro del carro rimandano all'eros, Satiri e ninfe, mentre le numerose borchie presentano eroti. Considerato che le fonti antiche alludono all'uso del Piletum da parte di sacerdotesse e signore, non si esclude che potesse trattarsi di un carro usato per rituali legati al matrimonio, per condurre la sposa nel nuovo focolare domestico. Se l'intera operazione non fosse stata avviata grazie alla sinergia con la Procura di Torre Annunziata, con la quale è stato sottoscritto un protocollo di intesa per il contrasto al fenomeno criminale di saccheggio dei siti archeologici e di traffico dei reperti e opere d'arte, avremmo perso documenti straordinari per la conoscenza del mondo antico". 

Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, commentando la scoperta del carro negli scavi di Civita Giulia, ha affermato:  "Pompei continua a stupire con le sue scoperte, e sarà così ancora per molti anni con venti ettari ancora da scavare. Ma soprattutto dimostra che si può fare valorizzazione, si possono attrarre turisti da tutto il mondo e contemporaneamente si può fare ricerca, formazione e studi, e un giovane direttore come Zuchtriegel valorizzerà questo impegno". Così “quella che viene annunciata oggi - ha aggiunto Franceschini - è una scoperta di grande valore scientifico. Un plauso e un ringraziamento al Parco Archeologico di Pompei, alla Procura di Torre Annunziata e ai Carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale per la collaborazione che ha scongiurato che reperti così straordinari fossero trafugati e illecitamente immessi sul mercato".

Ultima modifica il Sabato, 27 Febbraio 2021 16:03


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio