160x142-banksySarzana.gif

Venerdì, 09 Aprile 2021 12:08

ARThletes: le due ruote incontrano l’illustrazione

Scritto da 

Per la nascita di Suzuki Burgman 400, è stato chiesto a quattro illustratori italiani di fama internazionale di interpretare le doti tecniche del mezzo, secondo un’ispirazione che richiami alcuni sport iconici delle prossime Olimpiadi di Tokyo. Ne nascerà una mostra curata da Lorenza Salamon e Ale Giorgini

ROMA - Per celebrare la nascita del nuovo scooter della casa, il Burgman 400, Suzuki Italia ha pensato di lanciare  ARThletes, il progetto che unisce arte e motori, legando competenza tecnica, cultura giapponese, gusto italiano e attualità.

L’ispirazione nasce dalle prossime Olimpiadi di Tokyo, dove i migliori atleti del mondo si confronteranno per eccellere nelle proprie specialità. Nell’immaginario Suzuki,  Burgman 400 è l’Atleta elegante e con il Model Year 2022 Suzuki Italia vuole sottolineare i valori dell’atleta, realizzando una mostra di opere realizzate in esclusiva da quattro artisti italiani che hanno dimostrato grandi affinità con la cultura giapponese. 

Per la mostra Suzuki ha chiesto a Gianluca Folì, Riccardo Guasco, Francesco Poroli e Van Orton di interpretare quattro caratteristiche fondamentali del nuovo Burgman 400 –– eleganza, sportività, stabilità e sicurezza –– abbinandole ad altrettanti sport olimpici (tuffi, atletica leggera, ginnastica artistica e scherma) da rappresentare in 4 opere uniche che diventeranno poi altrettante livree per un Burgman da collezione.

L’idea innovativa del progetto ARThletes nasce dal concept ’atleta elegante’– spiega Enrico Bessolo, Direttore Commerciale Suzuki Italia – grazie alle illustrazioni desideriamo mostrare il ‘fil rouge’ che lega sport, Olimpiadi, Giappone e il nostro scooter attraverso un percorso espositivo che vedrà 4 opere uniche rappresentate da altrettanti illustratori”.

Per il progetto ARThletes,  Suzuki ha deciso di coinvolgere due figure importanti nel segmento dell'arte e dell'illustrazione, Lorenza Salamon, curatrice milanese e gallerista (Salamon Fine Art) che dichiara: “Quattro talenti dell’illustrazione contemporanea, la più longeva delle arti, interpretano la campagna legata al nuovo modello Suzuki, duettando con le sue qualità. Ad ognuno abbiamo affidato un tema che corrisponde ad altrettanti punti di forza del veicolo per intraprendere un viaggio fra il virtuale e il reale la cui tappa finale è la prossima Olimpiade che si terrà a Tokyo”.

Mentre il coordinatore degli illustratori Ale Giorgini afferma “L’illustrazione è un linguaggio universale che abbatte i confini. Un linguaggio che unisce popoli e culture diverse, proprio come le Olimpiadi. In un momento come quello che stiamo vivendo, credo sia ancora più importante riuscire a creare connessioni –  anche solo virtuali – fra luoghi e persone. Ho accolto quindi con grande entusiasmo il progetto ARThletes di Suzuki, così come lo hanno fatto i 4 illustratori con cui ho avuto il privilegio di lavorare. In un periodo in cui siamo stati costretti a limitarlo, celebrare il movimento e la libertà è un dovere morale”.

L’impegno di Suzuki verso l'illustrazione è un primo passo verso un'arte – l’illustrazione – che oggi riscopre tutto il suo valore e tutta la sua capacità di parlare e arrivare direttamente al cuore delle persone con un linguaggio estremamente variegato: ecco allora che le opere in mostra potranno riprendere stilemi tipici dei writer urbani, oppure di artisti acclamati come Basquiat.

Ale Giorgini

Illustratore, designer, direttore artistico, Giorgini ha collaborato con brand e testate internazionali e partecipato a eventi in tutto il mondo. Ha vinto il Good Design Award del Chicago Museum of Design (2017), è stato selezionato dalla Society of Illustrators di New York (2015, 2017). Dal 2013 al 2018 è stato presidente e direttore artistico di Illustri Festival e fondatore dell’agenzia Magnifico che rappresenta alcuni dei più importanti illustratori italiani. 

IG https://www.instagram.com/alegiorgini/ 

Gli artisti 

Gianluca Folì

Folì è un affermato illustratore italiano. Il suo lavoro di ampio respiro abbraccia molti campi dell’immagine, dalla cultura per adulti ai picture book dell’infanzia. Clienti come Les Echos, The Boston Globe, New York Time, Il Corriere della Sera, Red Bull, Feltrinelli, Mondadori, Taschen, Fendi, Alfa Romeo, Harley- Davidson, Wall Street Journal, Los Angeles Times, GQ, Panorama, Lonely Planet apprezzano Il suo stile raffinato e ricercato.

Nel 2015 il suo lavoro è stato selezionato e premiato dalla Society of Illustrators di New York con la medaglia d’oro categoria Editorials and Books, e nello stesso anno è medaglia di bronzo alla Society of Illustrators di Los Angeles. È selezionato anche per due anni consecutivi nei prestigiosi Creative Quarterly, Applied Arts Annual e Communications Arts Annual. IG: https://www.instagram.com/gianlucafoli/ 

Riccardo Guasco

Illustratore e pittore, nato ad Alessandria nel 1975. Innamorato del manifesto come mezzo di comunicazione utile a una buona educazione all'immagine, mescola poesia e ironia creando illustrazioni per far sorridere gli occhi. Le sue illustrazioni appaiono su campagne pubblicitarie, riviste, libri, navi e biciclette. E' felice di aver collaborato con The New Yorker, Eni, Tim, Poste Italiane, Nastro Azzurro, Moby, Martini, Ferrari, Touring Club Italiano, Repubblica, Esselunga, Emergency, Greenpeace, Rai, L’Espresso e molti altri. IG: https://www.instagram.com/guascoriccardo/ 

Francesco Poroli

Poroli è nato e vive a Milano. Dal 2000 lavora come illustratore e art director freelance. Durante questi anni ha pubblicato su testate quali The New York Times Magazine, Wired, GQ e Il Sole24 Ore. Ha inoltre lavorato per clienti come Facebook, Campari, Apple, NBA, Barilla, FCA e molti altri. Nel 2017 ha pubblicato “Like Kobe - Il Mamba spiegato ai miei figli” per Baldini&Castoldi. I suoi lavori sono stati premiati da Society of Illustrators New York e The Society of Publication Designers. È direttore artistico di Illustri Festival, speaker TEDx e insegna presso IED Milano, NABA and Domus Academy. IG: https://www.instagram.com/francescoporoli/ 

Van Orton

I Van Orton è un duo creativo composto da due fratelli gemelli (Stefano e Marco) da Torino. La loro arte è fortemente influenzata dalla "cultura pop" e da un design ispirato alle vetrate delle chiese, per poi evolversi con innesti simmetrici e linee luminose. Hanno iniziato reinterpretando le icone di film cult degli anni '80, questo ha permesso loro di ottenere rapidamente molta visibilità e essere contattati da importanti marchi, tra cui Marvel, Microsoft, Armani, Bmw e artisti come Pearl Jam. IG: https://www.instagram.com/vanortondesign/ 

Ultima modifica il Venerdì, 09 Aprile 2021 12:14


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio