160x142-banksySarzana.gif

Martedì, 20 Aprile 2021 10:24

Ville Tuscolane, residenze d’arte e natura. Eventi e mostre

Scritto da 

Dieci eleganti residenze rinascimentali costruite dalla nobiltà papalina tra il Cinquecento e il Seicento nell’antica zona di Tusculum, negli stessi luoghi  delle ville romane d’epoca imperiale

Villa Grazioli ph. credit Ezio Bocci Villa Grazioli ph. credit Ezio Bocci

ROMA - Con gli interventi del Vice Presidente della Regione Lazio Daniele Leodori, il Capo di Gabinetto della Regione Lazio Albino Ruberti, il Commissario Straordinario dell’I.R.Vi.T. Francesco Paolo Posa, il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Orazio Schillaci e l’Ordinario di Storia dell'Arte Moderna dell’Università “Tor Vergata” Giovan Battista Fidanza,  è stato presentato il nuovo programma di rilancio dell’I.R.Vi.T, ente che si occupa di favorire e assicurare la valorizzazione e la promozione delle dieci Ville Tuscolane e dei relativi parchi e giardini: Villa Aldobrandini, Villa Falconieri, Villa Lancellotti, Villa Sora, Villa Torlonia e Villa Tuscolana a Frascati; Villa Grazioli e Villa Muti a Grottaferrata; Villa Mondragone che grazie alla collaborazione con l’Università di Roma “Tor Vergata”, ospita la sede istituzionale dell’’I.R.Vi.T. che si affianca a quella romana e Villa Parisi a Monte Porzio Catone. 

Le Ville Tuscolane sono dieci eleganti residenze rinascimentali costruite dalla nobiltà papalina tra il Cinquecento e il Seicento nell’antica zona di Tusculum, negli stessi luoghi  delle ville romane d’epoca imperiale. Furono simbolo di prestigio dell’aristocrazia, destinate all’attività di rappresentanza e al soggiorno estivo della corte pontificia. In seguito meta del celebre “Gran Tour”, il viaggio di formazione dei rampolli dell’aristocrazia europea e di grandi personaggi come Goethe, Chateaubriand. Mirabile esempio di architettura integrata con il paesaggio, le Ville Tuscolane si trovano a nord-est del Parco dei Castelli Romani, dove conservano lembi della vegetazione originaria preservati nel tempo, che i visitatori potranno apprezzare grazie a percorsi di visita dedicati, percorribili a piedi o in bicicletta. 

Il fascino straordinario di questo complesso unico, ne ha fatto negli anni la location ideale per set cinematografici e audiovisivi. La filmografia è lunghissima, basti citare alcune pellicole: Il Marchese del Grillo di Mario Monicelli con Alberto Sordi (1981) girato a Villa Grazioli; Ninì Tirabusciò la donna che inventò la mossa di Marcello Fondato con Monica Vitti e Gastone Moschin (1970) e Ritratto di signora di Jane Campion con Nicole Kidman e John Malkovich (1996) a Villa Aldobrandini; Il giardino dei Finzi Contini di Vittorio De Sica con Dominique Sanda e Lino Capolicchio (1970) e Un tè con Mussolini di Franco Zeffirelli con Maggie Smith e Cher (1999) a Villa Parisi. 

In programma per il 2021, tra l’altro,  le visite guidate “Di villa in villa” (oltre 120 visite nel weekend, dal 15 maggio al 24 ottobre), conferenze (dal 2 ottobre al 20 novembre, “Conversazioni Tuscolane”: serie di 8 conferenze itineranti sulle e nelle ville tuscolane a cura di Piero Giusberti), incontri, giornate di studio (come quella dedicata all’eredità delle ville dell’antico Tuscolo il 29 maggio a Villa Mondragone), progetti con le scuole. E poi i concerti e il ritorno di grandi manifestazioni come il Festival delle Ville Tuscolane (che vedrà una prima parte dal 20 giugno al 10 agosto per poi riprendere dal 4 settembre al 10 ottobre) con grandi nomi della musica, del teatro e della danza.  In via di definizione è prevista la partecipazione di Stefano Bollani che riproporrà le musiche di “Jesus Christ Superstar” a 50 anni dal debutto dell’opera di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, ed Elio con il suo omaggio al genio di Enzo Jannacci diretto da Giorgio Gallione. E poi, non mancheranno interessanti iniziative per il 700° Anniversario della morte di Dante Alighieri

Del programma Artemagazine segnale in particolare le mostre figurative: a Villa Mondragone, una retrospettiva su Toti Sciaoloja (inaugurazione prevista il 29 maggio), l’esposizione “Pittura e preghiera. La liturgia e la devozione del Barocco romano in sette capolavori” (inaugurazione l’11 settembre) e la mostra delle opere del Premio Internazionale di Arte contemporanea “Bacc - La Forma del Vino. Forma, Colore e Materia” (inaugurazione il 9 ottobre). Per restare aggiornati su tutti gli eventi e le attività dell’I.R.Vi.T. ma anche per conoscere la storia e le curiosità legate alle Ville Tuscolane, è possibile consultare il sito www.irvit.it

 

Ultima modifica il Giovedì, 22 Aprile 2021 11:17


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio