160x142-banksySarzana.gif

Mercoledì, 09 Giugno 2021 14:00

Apre il nuovo Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica

Scritto da 

Dall’11 giugno, la Valle Camonica romana – una delle realtà archeologiche più sorprendenti dell’intero arco alpino – avrà un nuovo museo di riferimento, in una più grande e adeguata sede

Statua in marmo locale di Vezza d’olio (alta Valle Camonica) raffigurante un personaggio maschile in posa eroica (part), forse un giovane della famiglia imperiale. Età guaio-claudia, proveniente dall’area del foro dell’antica Civitasa Camunnorum. I-II d.C Statua in marmo locale di Vezza d’olio (alta Valle Camonica) raffigurante un personaggio maschile in posa eroica (part), forse un giovane della famiglia imperiale. Età guaio-claudia, proveniente dall’area del foro dell’antica Civitasa Camunnorum. I-II d.C

BRESCIA - Apre l'11 giugno 2021 il nuovo Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica, realizzato su progetto architettonico e di allestimento dello Studio di Architettura Volta di Brescia.

I lavori per il nuovo museo sono stati realizzati per iniziativa del Comune e della Direzione Regionale Musei Lombardia, con la collaborazione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia e il contributo di Regione Lombardia e della Comunità Montana di Valle Camonica.

La nuova sede del museo sorge nel centro storico di Cividate Camuno, l’antica Civitas Camunnorumnell’immobile già sede dell’Incubatore d’Imprese, di fronte alla Chiesa Parrocchiale, nel cuore della Civitas romana e dell’abitato medioevale.

Otto le sezioni del nuovo Museo, nelle quali sono proposti i materiali di età romana trovati a Cividate Camuno e nel territorio, tra cui una ricca collezione epigrafica, importanti elementi architettonici e scultorei e ricchi corredi funerari dalle necropoli, con pendenti e amuleti anche in oro e argento, non solo preziosi ma anche carichi di valenze simboliche. Il museo raccoglie anche oggetti d’eccezione: la porta carbonizzata in legno risalente al II-I secolo a.C., ritrovata a Pescarzo di Capo di Ponte, una delle meglio conservate per il periodo di tutto l’arco alpino, la statua della dea Minerva dal santuario di Breno, in marmo greco, e un pregevole ritratto maschile in nudità eroica dall’area del foro di Cividate Camuno in marmo locale di Vezza d’Oglio.

Come spiega  Emanuela Daffra, Direttore regionale Musei Lombardia del Ministero della Cultura: “Il nuovo museo, fortemente voluto da Stefano L’Occaso che mi ha preceduto, si estende su spazi quadruplicati rispetto alla vecchia sede e potrà accogliere in modo finalmente adeguato i reperti già esposti a partire dal 1981 in un primo Museo Archeologico, oggi troppo angusto, oltre che dare spazio ad un patrimonio in continua crescita, confermando la ricchezza vitale della ricerca archeologica e il dinamismo dei musei che la raccontano.”

“La missione del Museo – evidenzia Serena Solano, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia, direttore dei Parchi della Valle Camonica romana e curatore scientifico del progetto del nuovo museo – è quella di raccontare l’incontro fra Camuni e Romani, illustrando i cambiamenti e le novità insieme agli aspetti di sovrapposizione e continuità. La Valle Camonica infatti esemplifica in maniera straordinaria la romanizzazione di un territorio alpino, attraverso siti ed evidenze archeologiche, anche di carattere monumentale, che consentono di declinare il processo nei suoi molteplici aspetti, dalla trasformazione del territorio, allo sfruttamento delle risorse, ai culti, agli insediamenti, agli aspetti della vita quotidiana, agli spazi pubblici, alla sfera funeraria. Il nuovo museo, con rimandi anche ai luoghi vicini, contestualizza i ritrovamenti della Valle Camonica nel quadro più ampio dell’arco alpino, ponendosi così come un museo della romanizzazione delle Alpi.”

Il museo rappresenta dunque il punto di partenza e di arrivo del percorso della Valle Camonica romana che a Cividate Camuno ha come altre tappe l’area del foro e il Parco Archeologico del teatro e dell’anfiteatro e non lontano, attraverso un piacevole percorso ciclo-pedonale lungo fiume, il Parco Archeologico del Santuario di Minerva in località Spinera di Breno.

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Giugno 2021 14:07


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio