160x142-banksySarzana.gif

Giovedì, 13 Maggio 2021 12:12

Al Margutta di Roma la natura torna protagonista con gli scatti di Barbara Dall'Angelo

Scritto da 

"Fragile – Handle with care" è il titolo della mostra fotografica aperta al pubblico dal 13 maggio al 26 settembre 2021. In esposizione circa 30 immagini della fotografa romana che raccontano l’amore per a Terra e alla bellezza della Natura

© Barbara Dall'Angelo © Barbara Dall'Angelo

ROMA - Apre giovedì 13 maggio la mostra "Fragile - Handle with care", ideata e organizzata da Barbara Dall'Angelo e Tina Vannini, curata da Giulia Coccia, ospitata presso il ristorante Il Margutta Veggy Food & Art, in via Margutta 118 a Roma. In esposizione 30 scatti di Barbara Dall'Angelo che raccontano l’amore per a Terra e alla bellezza della Natura.

“L’immagine simbolo - racconta Barbara Dall'Angelo - che abbiamo scelto per la mostra è la danza dell’amore delle gru della Manciuria, scattata in un gelido febbraio ad Hokkaido: uccelli candidi e leggiadri, a rischio di estinzione. In mostra si alterneranno fotografie poetiche ad altre più drammatiche, ma non saranno presenti scatti di denuncia esplicita: l'allarme, quello che può cambiare le cose, nelle mie fotografie vuole nascere dalle considerazioni del singolo e dal suo rapportarsi a ciò che lo circonda".

Negli scatti di Barbara Dall'Angelo la natura è quindi protagonista e padrona assoluta del campo visivo. L’occhio della fotografa immortala ciò che le si presenta davanti senza interferire, cogliendo sfumature e luci di quell’attimo perfetto. 

“Ogni immagine racchiude un nucleo di sfumature che spaziano dalla delicata grazia alla prorompente energia – spiega la curatrice Giulia Coccia - E’ difficile – se non impossibile- condensare la complessità del mondo naturale in un singolo scatto, per questo la fotografa si avvicina a soggetti più disparati con lo stesso rinnovato interesse e rispettoso stupore. Dalle immagini traspare l’amore per le molteplici forme e contenuti che solo la Natura è in grado di creare, e che l’Uomo può contemplare”.

“Non possiamo guardare gli scatti di Barbara Dall’Angelo – prosegue la curatrice - senza provare in fondo un senso di inadeguatezza di fronte a tanta bellezza ed innocenza. Tuttavia le immagini hanno lo scopo di ricondurci a quell’antico sentimento di appartenenza e fusione con il mondo da cui siamo stati originati. E’ arrivato il momento di ricordarci che siamo noi oggetto della creazione della Natura, e non viceversa, e che il nostro rapporto con essa deve essere attivamente fondato sul rispetto, la gratitudine e l’impegno alla sua sopravvivenza”.

“Ospitare nelle sale del Margutta questi magnifici scatti ha un valore indescrivibile e rende questa mostra densa di significato e di bellezza - dichiara la titolare del ristorante Tina Vannini – Emozioni purissime, che hanno catturato la mia anima, facendomi capire ancor di più che, per quanto la natura sia delicata e fragile, davanti a mutamenti e squilibri, la sua potenza vitale rende noi esseri umani i più vulnerabili. Sono convinta che ogni visitatore sarà sollecitato a riflettere sulla necessità di proteggere l’ambiente, così da preservarne la 'vita', in tutte le sue forme”.

Foto di Barbara Dall’Angelo

 

Ultima modifica il Giovedì, 13 Maggio 2021 12:18


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio