160x142-banksySarzana.gif

Venerdì, 04 Giugno 2021 15:46

Guido Crepax e Valentina al Centro Saint-Bénin di Aosta  

Scritto da 

Oltre 100 opere in un allestimento spettacolare raccontano l’eclettismo culturale di Crepax, maestro del fumetto d’autore, nella rassegna “Guido Crepax. I mille volti di Valentina”, a cura di Alberto Fiz in collaborazione con Archivio Crepax, aperta al pubblico dal 12 giugno al 17 ottobre 2021

 Curioso montaggio di una foto di Guido Crepax con una Valentina tratta dalla storia "Osservazione acuta" (1989) Curioso montaggio di una foto di Guido Crepax con una Valentina tratta dalla storia "Osservazione acuta" (1989)

AOSTA - Una grande mostra per un grande personaggio come Guido Crepax e il suo alter ego femminile Valentina. Ad ospitarla è il  Centro Saint-Bénin di Aosta che per l’esposizione ha ideato un allestimento spettacolare, che consente allo spettatore di attraversare ambienti tematici in dialogo tra loro, con manichini, sagome tridimensionali e tappezzerie d’autore.

Curata da Alberto Fiz in collaborazione con Archivio Crepax, la mostra Guido Crepax. I mille volti di Valentina, oltre a riunire le tavole originali più emblematiche, offre l’occasione di analizzare la poliedrica indagine artistica di Guido Crepax, presentando inediti documenti d’archivio, copertine di dischi, oggetti di design, abiti, paraventi, studi per la pubblicità, grandi giochi tridimensionali e molto altro.

Il ruolo di primo piano è affidato ovviamente alla sua icona più celebre, Valentina, un personaggio della contemporaneità, in grado d’influenzare la storia della moda e del costume. 

Valentina appare attraverso una serie di opere che ne descrivono l’assoluta unicità nella storia del fumetto in quanto la sua immagine nasce dalla contaminazione tra mito (l’attrice Louise Brooks) e realtà (la moglie Luisa). La fusione di queste due anime ha consentito di sviluppare, nel tempo, una figura che riflette i differenti aspetti dell’universo femminile sopravvivendo, come le grandi star del cinema e della letteratura, al suo autore. 

In un percorso coinvolgente suddiviso in sette sezioni, emergono le differenti sfaccettature di Crepax, a partire dalla prima storia disegnata, L’Uomo Invisibile. 

Gli esordi dell’artista sono caratterizzati da una particolare attenzione nei confronti della Musica, una costante del suo fumetto dove si fa riferimento al rock (non possono mancare i Beatles), così come al jazz con Charlie Parker e Dizzy Gillespie. Anche i Giochi hanno una trattazione specifica in mostra: Crepax aveva la passione per la ricostruzione storica di eventi che si trasformano in straordinari percorsi tridimensionali dove compaiono, ad esempio, le battaglie piemontesi della Campagna d’Italia. Non mancano nemmeno i giochi della boxe o quelli che hanno come riferimento i viaggi di Marco Polo.

Di fondamentale importanza, poi, sono il Cinema e il Teatro a cui viene dedicata una specifica trattazione che comprende anche Fotografia e Televisione. Le sue storie, infatti, sono vere e proprie sequenze cinematografiche a fumetti con montaggi, inquadrature e primi piani. I riferimenti sono continui, da Eisenstein a Pabst, da Antonioni a Truffaut. Una sezione è, poi, dedicata a Arte e Letteratura, altre due tematiche fondamentali nell’opera a tuttotondo di Crepax. Un'altra sezione particolarmente innovativa è quella che riguarda Moda, Design e Pubblicità dove sono esposti abiti e oggetti ispirati dalla poetica di Crepax quali lampade,  vetri, paraventi e piastrelle. Da Versace a Krizia, da Castiglioni a Eileen Gray, è continua la dialettica con i differenti aspetti della creatività contemporanea. Insieme a Valentina, la rassegna analizza anche le altre figure femminili (Valentina e le altre), da Bianca a Anita, che animano l’universo di Crepax caratterizzato, spesso, da una forte componente onirica. 

A chiudere la mostra un coup de théâtre: sull’altare della chiesa sconsacrata è prevista la ricostruzione dello studio di Crepax, Viaggiatore immobile, con il suo tavolo da lavoro e l’immancabile cassa del violoncello del padre che compare in molte immagini dei fumetti. Nel medesimo ambiente viene, infine, collocato un video che consente di ripercorrere il percorso creativo del grande autore. 

Accompagna l’esposizione un prezioso volume in italiano e francese edito da Gli Ori con tutte le immagini della mostra e un apparato critico che prevede gli interventi di Antonio Crepax, Alberto Fiz e Daria Jorioz. La pubblicazione è arricchita da un’intervista di Alberto Fiz al regista Mario Martone che ha collaborato con Crepax nell’ambito del teatro, da un ricordo di Luisa Crepax, la moglie dell’artista recentemente scomparsa, oltre a un’intervista immaginaria a Valentina. Ampia è anche l’antologia critica con le testimonianze, tra gli altri, di Roland Barthes, Umberto Eco, Alain Robbe-Grillet, Giorgio Manganelli, Oreste Del Buono, Gillo Dorfles, Achille Bonito Oliva.

Ultima modifica il Venerdì, 04 Giugno 2021 15:55


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio