160x142_banner_banksy.gif

Giovedì, 24 Giugno 2021 15:42

Restauro della fontana Contarini a Bergamo grazie a Rigoni di Asiago  

Scritto da 

La celebre azienda veneta, da sempre attenta ai valori legati alla tradizione e alla cultura, dopo aver sostenuto diversi interventi di recupero di beni artistici in diverse parti di Italia, ha deciso di proseguire il percorso approdando a Bergamo 

BERGAMO - Sarà restaurata, grazie al sostegno di Rigoni di Asiago, la fontana Contarini di Bergamo. L’azienda veneta, leader nella produzione biologica di miele, confetture e creme di nocciola, da sempre attenta ai valori legati alla tradizione e alla cultura, si è già impegnata in diversi progetti di recupero di beni artistici. Nel 2015 ha sostenuto l’importante intervento di recupero dell’Atrio dei Gesuiti (l’entrata storica del prestigioso Palazzo di Brera a Milano), nel 2016/2017, il restauro dell’originale della statua di San Teodoro (il primo Patrono di Venezia) in Palazzo Ducale, nel 2018 il restauro della fontana “Venezia sposa il mare” nel cortile di Palazzo Venezia a Roma, nel 2019 il restauro della Chiesa rupestre di San Giovanni in Monterrone a Matera, nel 2020 i dipinti delle lunette lato est ed angolo sud del Chiostro Grande di Santa Maria Novella a Firenze.  L’azienda ha ora deciso di proseguire il percorso approdando a Bergamo.

La fontana racchiude già in sé quel concetto di vita e ripartenza che ha un significato ancora più profondo in questo particolare momento storico: la sua acqua era sinonimo di sopravvivenza, l’uomo che vince contro le avversità della natura, nel caso specifico le siccità che colpivano con una certa frequenza la zona.

La scelta di quest’opera è avvenuta grazie ad una votazione on line, nello scorso mese di febbraio, che ha visto partecipare oltre 400.000 persone; un fatto che dimostra e conferma quanto sia di interesse pubblico il valore dell’arte e le azioni che vanno in difesa del nostro patrimonio storico-artistico.

“Abbiamo scelto un monumento simbolo – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – per raccogliere l’opportunità che Rigoni ha messo a disposizione della nostra città: il centro di piazza Vecchia, il cuore di Città Alta, la fontana del Contarini, sulla quale avevamo già deciso di intervenire per un restauro che potesse riportarla al suo splendore e sulla quale ora iniziamo la sistemazione, grazie al finanziamento di Rigoni. La fontana si presenta oggi particolarmente danneggiata e ammalorata, con la necessità di una sistemazione, a carico del Comune, anche dell’impianto idraulico e delle tubazioni sotterranee: continuiamo così la nostra opera di valorizzazione di tanti luoghi storici della nostra città, dalla fontana del Delfino ai lavatoi, dalle pavimentazioni ai musei civici e tanto altro ancora.”

“Bergamo si fa bella a pochi mesi dall’appuntamento con la Capitale Italiana della Cultura 2023 – commenta l’Assessore alla Cultura Nadia Ghisalberti -: la nostra città si farà trovare pronta per l’occasione e siamo al lavoro su tanti fronti per lasciarci alle spalle l’esperienza del Covid e ripartire all’insegna di bellezza e cultura. In questo caso, un grande aiuto ci viene dai privati come Rigoni, privati il cui ruolo è ed è stato decisivo in questi anni per attivare tante iniziative ed energie in città, con il Comune e l’Amministrazione a fare da regia alle forze che compongono e animano la città. Si tratta, inoltre, del primo degli interventi che pensiamo di mettere in campo in piazza Vecchia, visto che si avvicina l’approvazione del progetto per la ristrutturazione di casa Suardi, che sarà un’altra casa della cultura della nostra città.” 

“Sono molto contento che la sesta tappa de “La Natura nel cuore di”, il tour a favore della valorizzazione dei beni culturali del nostro Paese, iniziato da Rigoni di Asiago nel 2015 a Milano, arrivi a Bergamo, grazie alle oltre 400.000 persone che hanno partecipato alla votazione on line. – dichiara Andrea Rigoni, Presidente e Amministratore Delegato di Rigoni di Asiago – Quest’anno ci prendiamo cura della Fontana Contarini, un’opera donata dalla famiglia veneziana per rendere ancor più bella Piazza Vecchia, il cuore antico di questa splendida città, che ha appena vissuto la spaventosa esperienza della pandemia, uscendone a testa alta e con grandissima dignità. Da imprenditore abituato a guardare avanti, sono contento perché il restauro permetterà alla fontana di presentarsi con nuova luce e bellezza all’appuntamento in cui Bergamo, insieme a Brescia, saranno nel 2023 le capitali della cultura italiana e potrà accogliere con rinnovato vigore tutti gli ospiti, italiani e stranieri, e mostrarsi per quello che in realtà è, ovvero una città operosa e industriale, dal vastissimo e unico patrimonio storico-artistico. Il mio sentito ringraziamento va agli amici consumatori che hanno partecipato alla votazione, dimostrando grande attenzione per il nostro progetto e all’entusiasmo di tutti i cittadini bergamaschi, ad iniziare dal Sindaco e dai componenti dell’Amministrazione, che hanno organizzato una poderosa e vincente campagna social”.

"Iniziare la sesta tappa di questo percorso che abbiamo intrapreso con Rigoni di Asiagodichiara Enrico Bressan, Presidente di Fondaco Italia ha per noi un significato davvero unico. In un momento storico così fuori dall’ordinario vedere un imprenditore che non smette di credere nell’importanza del patrimonio artistico del nostro Paese e nel recupero dei suoi luoghi simbolo, è la testimonianza della vera accezione di ciò che amo definire “l’economia della Bellezza” e di quanto questa possa significare per un’Azienda e per tutto quel magnifico universo che le ruota intorno". 

I lavori verranno eseguiti da Lares Restauri ed avranno inizio a fine settembre. Sarà possibile seguire in diretta i lavori di restauro sul sito www.skylinewebcams.com.

 

Ultima modifica il Giovedì, 24 Giugno 2021 15:46


250x300px.png

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio