160x142-banksySarzana.gif

Martedì, 08 Novembre 2016 15:10

Rai 5. The Art of Gothic

Scritto da 

A partire da mercoledì 9 novembre alle 19.55 lo storico dell'arte inglese Andrew Graham Dixon racconta la corrente neogotica

ROMA - Nel XVIII secolo, era di innovazioni tecnologiche, progresso e meraviglie, gli uomini, spaventati dalle troppe novità del mondo moderno, decisero di cercare nel passato, e soprattutto nel Medioevo e nel Gotico, rassicurazioni e certezze. Elaborarono pertanto una poetica originale, basata sul recupero e la riproposta di un passato idealizzato. Ben presto, pittori, architetti e scrittori rifiutarono il neoclassicismo imperante e di successo presso l'aristocrazia europea e iniziarono a proporre romanzi popolati da creature delle tenebre in alternativa ai racconti per signorine; fragili magioni e cattedrali al posto di palazzi con colonne e giardini classici, mentre incubi e tormenti notturni facevano la loro comparsa sulle tele al posto di scene rassicuranti e plastiche.

Il primo episodio della serie ripercorre la nascita di questa corrente artistica a partire dall’origine del termine “gotico”. Coniato dagli artisti italiani del rinascimento come insulto, da applicare a qualunque cosa non provenisse dal civile mondo dell’antica Grecia e dell’antica Roma, originariamente significava barbaro, brutale, selvaggio. Con una sola parola si rigettavano secoli di arte e architettura medievali bollandole come primitive e senza valore. Ma nel Medio Evo erano state erette alcune delle cattedrali più spettacolari, che contenevano visioni del paradiso e mòniti dell’inferno. La Riforma Protestante spazzò via il mondo medievale e per quasi tre secoli il linguaggio dell’arte e dell’architettura gotica furono ripudiate come superstizione cattolica. Fino a che l’Inghilterra di Giorgio IV tornò ad innamorarsene e il neogotico crebbe come l’edera. D'altra parte era un periodo buio nella storia inglese, in cui il terrore sembrava celarsi dietro a ogni ombra, nelle teste tagliate della rivoluzione francese, nella rivoluzione industriale, che aveva invaso la tranquilla campagna inglese di oscure e diaboliche fabbriche, e nella nuova scienza, sempre pronta a partorire nuovi mostri.

Ultima modifica il Martedì, 08 Novembre 2016 15:13


300x250-banksySarzana.gif

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio